Sportello Orientamento gratuito Numero verde 800 82 84 74

Università Senza Test: corsi di laurea e facoltà a numero aperto

Facoltà a numero aperto: guida ai corsi di laurea e alle Università senza test d'ingresso
Facoltà a numero aperto: guida ai corsi di laurea e alle Università senza test d'ingresso
Sportello Orientamento:
consulta gratuitamente i nostri esperti

Le università frontali hanno facoltà a numero aperto e facoltà a numero chiuso: per questo secondo tipo di atenei all’inizio di ogni anno accademico si svolgono i test d’ingresso, ovvero delle prove che limitano l’accesso ai corsi di laurea, diversamente da come accade nelle facoltà universitarie a numero aperto. Nello specifico ci sono test ad accesso programmato nazionale, come per esempio per Medicina e Veterinaria, gestiti direttamente dal MIUR, e quelli per i corsi a numero chiuso locale.

In questa guida:

Facoltà: quali sono a numero aperto e quali a numero chiuso

Rispetto alle facoltà senza test d’ingresso in cui ci sono corsi di laurea a numero aperto, qui c’è un numero definito di posti a disposizione che però viene stabilito dal MIUR per i corsi con l’accesso programmato nazionale oppure da ogni singolo ateneo per tutti gli altri.

Quali sono allora le facoltà a numero aperto e quindi quali sono i corsi di laurea ad accesso libero? Stiamo parlando di:

  • Scienze Politiche
  • Economia
  • Ingegneria
  • Giurisprudenza
  • Scienze Politiche
  • Lettere
  • Scienze della Comunicazione
  • Scienze della Formazione
  • Scienze Turistiche
  • Scienze Motorie
  • Agraria

Tra le facoltà con il test d’ingresso invece troviamo:

  • Medicina
  • Medicina in inglese
  • Veterinaria
  • Architettura
  • Professioni Sanitarie
  • Scienze della formazione primaria
  • Ingegneria
  • Psicologia
  • Economia
  • Facoltà Scientifiche

Il numero chiuso esiste per valutare l’attitudine degli studenti alla facoltà alla quale vorrebbero immatricolarsi, per cercare di mantenere un profilo alto nella qualità della didattica, spesso messa in discussione nelle facoltà senza test d’ingresso. Le facoltà a numero aperto in Italia hanno la novità dei test di ingresso durante gli anni Ottanta, anche se in realtà era già in vigore negli Stati Uniti da diverso tempo.

Ovviamente ci sono dei pro e dei contro nelle facoltà universitarie senza test, così come quelle con valutazione iniziale. Le lauree triennali a numero aperto e quelle magistrali sono spesso al centro di questa discussione: vanno aboliti i test di ammissione e le restrizioni all’accesso, dando così la possibilità a tutti di provare ad entrare nei corsi che ora sono a numero chiuso?

Garantire a tutti il diritto di iscriversi agli atenei e quindi provare a sostenere i relativi esami significa accettare un numero più alto di immatricolati, infatti togliendo il numero chiuso potrebbe esserci una redistribuzione degli studenti che spesso decidono di immatricolarsi alle facoltà a numero aperto nel 2021 e anche negli anni precedenti solo come “ripiego”. Proprio per questo motivo c’è chi pensa sia uno spreco di tempo far tentare l’iscrizione a ragazzi che non sono davvero invogliati a studiare in un determinato corso di laurea.

Chi non riesce a superare questa verifica iniziale può scegliere di entrare nei corsi di laurea ad accesso libero e quindi nelle facoltà senza test di ammissione che fanno parte del circuito delle università telematiche. In questo modo gli studenti hanno la possibilità di prepararsi al test dell’anno successivo senza però perdere un anno di studi. Ma perché scegliere corsi di laurea triennali ad accesso libero o anche quelli magistrali? Vi spieghiamo come funziona negli atenei online.

Università a numero aperto: l’alternativa degli atenei online

In realtà c’è chi potrebbe decidere di concludere il percorso di studi proprio in un ateneo per via telematica senza riprovare il test d’ingresso, visto che ci sono diversi fattori positivi, soprattutto per chi ha poco tempo a disposizione.

Tra i benefici più grandi troviamo dei costi in meno in queste università a numero aperto rispetto agli atenei frontali. La retta nelle 11 università senza test per via telematica riconosciute dal MIUR varia da un minimo di 1.500 euro ad un massimo 3.900 euro fino ad arrivare anche a 5.900 euro per i corsi di laurea innovativi. A questi costi bisogna aggiungere una tassa universitaria regionale (che va pagata anche nelle università frontali) e – solo in alcuni casi – una tassa per la sede d’esame che può essere annuale o per ogni singolo esame.

Inoltre nelle università ad accesso libero online non ci sono costi per spostarsi (problema che riguarda in particolar modo i fuori sede che hanno anche le spese per mantenersi in una città diversa da quella di residenza). Infine tutto il materiale per gli esami di profitto, perciò libri, appunti, dispense e commenti degli stessi docenti, si trova sulla piattaforma del sito della facoltà ad accesso libero, quindi non bisogna spendere altro denaro per comprare libri extra. La cifra finale varia a seconda dell’università senza test d’ingresso scelta e soprattutto dei corsi di studi ad accesso libero, in ogni caso spesso ci sono possibilità di sconti attraverso delle agevolazioni e delle convenzioni.

Rispetto alle università senza test d’ammissione o a numero chiuso tradizionali, negli atenei online la retta non varia in base all’indice ISEE, per cui l’unico modo per avere una sconto sulla retta annuale è quello di vedere se ci sono delle agevolazioni e delle convezioni delle singole università a numero aperto. Per quanto riguarda le agevolazioni, solitamente i diversamente abili con invalidità superiore al 60% possono richiedere un esonero completo delle tasse, invece alcuni atenei hanno degli sconti per le donne in stato interessante, per chi paga in un’unica volta invece che a rate, per chi ha dei parenti già iscritti nella stessa facoltà, per chi presenta nuovi studenti e per chi ha meno di 20 anni.

Ovviamente ogni università ad accesso libero ha agevolazioni differenti, per questo motivo consigliamo di chiamare le segreterie per scoprire l’elenco completo delle possibilità. E lo stesso vale anche per le convenzioni che sono diverse per ogni università, grazie a programmi specifici con associazioni ed enti pubblici e privati. Alcuni atenei online hanno anche convenzioni con delle strutture ricettive che mettono a disposizione alloggi convenienti nei propri campus universitari, per tutti quei neo-immatricolati che risiedono in città in cui non è presente la sede d’esame.

Università a numero aperto, elenco degli atenei online:

Ricordiamo che questi atenei vengono valutati periodicamente dall’ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca) e sono riconosciuti dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, l’Università e la Ricerca), quindi hanno lo stesso valore legale delle università tradizionali.

Come funziona la didattica nelle Università online

In queste università si può conseguire una laurea senza obbligo di presenza, infatti non è necessario seguire le lezioni in modalità sincrona (in diretta), ma basta farlo anche solo in modalità asincrona. Questi corsi di laurea senza obbligo di frequenza sono organizzati in modalità e-learning, perciò c’è una piattaforma online – come se fosse una vera e propria aula virtuale – in cui poter seguire le lezioni live oppure tramite delle registrazioni, quindi 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Stiamo parlando quindi di facoltà universitarie senza obbligo di frequenza, ma ciò non significa che lo studente non debba comunque recuperare le lezioni in differita anche se si trova all’università da non frequentante. Per dare gli esami infatti chi è iscritto a corsi universitari senza obbligo di frequenza deve comunque raggiungere una frequenza minima che però è differente da ateneo ad ateneo e a volte anche da corso a corso:

  • eCampus, UniMarconi, Unicusano, San Raffaele, Unitelma e UniDav non prevedono obblighi di visualizzazione delle video-lezioni e del materiale didattico per gli studenti.
  • Unifortunato ha una percentuale minima del 60% di visualizzazione delle video-lezioni per ogni singolo esame.
  • Unipegaso e Mercatorum hanno una percentuale di visualizzazione delle video-lezioni minima maggiore: per poter sostenere l’esame bisogna aver visualizzato almeno l’80% delle video-lezioni.
  • UniNettuno chiede invece che ogni video-lezione venga vista almeno 2 volte, e prevede anche una serie di esercitazioni in vista dell’esame.
  • IUL varia in base al corso scelto

Bisogna stare attenti quindi alla facoltà senza obbligo di frequenza che viene scelta, infatti è necessario tenere in considerazione anche il tempo a propria disposizione per visionare le video-lezioni. Nei prossimi paragrafi vi parleremo dei corsi di laurea triennali senza obbligo di frequenza e anche di quelli magistrali nelle università telematiche.

Scienze Biologiche a numero aperto

La laurea in Scienze biologiche a numero aperto appartiene alla classe L-13 ed è una valida alternativa per gli aspiranti medici, infatti ha diversi sbocchi professionali per diventare biologi, biochimici, botanici, zoologi, ecologi, microbiologi. Bisogna comunque stare attenti a distinguere la facoltà di biologia a numero aperto e quella di scienze biologiche a numero aperto: il primo è un corso di laurea magistrale, mentre il secondo è un corso di laurea triennale che permette poi l’iscrizione a Biologia a numero aperto.

Il corso di Biologia a numero aperto è rivolto a tutti quelli che vogliono approfondire le loro conoscenze sulle basi delle scienze della vita, del funzionamento dei sistemi biologici e le procedure di analisi biologica, anche strumentale per attività di monitoraggio e controllo in diversi ambiti.

La facoltà di Scienze Biologiche online della classe L-13 è offerta dall’università telematica eCampus, mentre la facoltà di Biologia a numero aperto per via telematica non è ancora disponibile, perciò una valida alternativa rimane quella di iscriversi a Scienze della Nutrizione Umana (LM-61) alla San Raffaele. Le città principali come Roma, Milano, Napoli e Torino hanno un’unica sede disponibile per sostenere gli esami di profitto.

Ricordiamo che Il laureato in Scienze biologiche potrà iscriversi, dopo aver sostenuto l’esame di abilitazione, all’Albo di Biologo junior, sez. B. L’iscrizione alla sez. A dell’Albo è possibile solo dopo aver conseguito la laurea magistrale in Biologia. Non solo. I futuri laureati potranno svolgere ruoli tecnico/analitici in diversi ambiti di applicazione (biochimico e biomolecolare, industriale, agro-alimentare e biotecnologico), inoltre ruoli professionali nel campo della comunicazione scientifica e dell’editoria in ambito biologico e biomedico.

Psicologia a numero aperto

La facoltà di Psicologia a numero aperto appartiene alla classe di laurea L-24 per la triennale, LM-51 per la magistrale ed è una valida alternativa a chi vuole provare a studiare psicologia senza test d’ingresso. Questo tipo di corsi non è rivolto solo al classico target giovanile di neo-diplomati, ma anche a persone più grandi – sia occupate che disoccupate – che vogliono tornare, ad anni di distanza dal diploma, nel sistema dell’istruzione.

Gli iscritti a questo corso di studi acquisiscono le conoscenze che caratterizzano i diversi settori della psicologia e delle scienze umane e biologiche ad essa connesse, inoltre gli strumenti concettuali, metodologici e tecnici dell’analisi e dell’intervento psicologico.

Sono otto le facoltà di psicologia senza test d’ingresso:

Sono quindi tante le opportunità per iscriversi a Psicologia a numero aperto e ogni ateneo offre corsi caratterizzati da diversi approcci. Nello specifico Psicologia a Roma a numero aperto ha tutte sei università diverse a disposizione, così come Milano, mentre a Napoli ci sono cinque opzioni disponibili, mentre a Torino solo quattro.

Ricordiamo che per diventare Psicologo a tutti gli effetti ed esercitare quindi l’attività è necessario conseguire sia una laurea triennale in Scienze e Tecnologie Psicologiche che una laurea magistrale in Psicologia. Ma non è finita qui, infatti per poter esercitare la professione ed aderire all’albo nazionale è necessario anche un tirocinio e il superamento dell’Esame di abilitazione per l’iscrizione all’Albo degli Psicologi.

Scienze Motorie a numero aperto

La facoltà di Scienze motorie a numero aperto appartiene alla classe di laurea L-22 per la triennale e LM-47 e LM-67 per la magistrale. Questi corsi di Scienze motorie senza test d’ingresso rispondono al bisogno di fondare i presupposti culturali e metodologici nella formazione professionale degli operatori dell’attività fisico-sportiva, dei dirigenti e dei manager di realtà associative. Questa facoltà dà agli iscritti gli strumenti necessari operare nella promozione dell’attività fisica orientata al recupero delle capacità motorie, nel miglioramento della prestazione sportiva e nello sviluppo di iniziative e progetti di carattere educativo e ludico-ricreativo.

Sono quattro le università che ospitano corsi di Scienze motorie a numero aperto:

Scienze motorie a Roma a numero aperto ha tutte e quattro le università presenti, così come Milano, mentre a Torino e a Napoli ci sono solo tre opzioni disponibili.

Chi vuole diventare Professore di Educazione Fisica deve essere in possesso di una Laurea Magistrale delle classi LM-47 (Organizzazione e Gestione dei Servizi per lo Sport e le Attività Motorie), LM-67 (Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate). Dopodiché i laureati devono superare un concorso pubblico: per le scuole pubbliche bisogna vincere un concorso di Stato e quindi ricevere l’assegnazione di una cattedra, mentre per le scuole private è necessario solo curriculum formativo eccellente per essere assunto.

Questa facoltà prepara inoltre ai lavori di Educatori professionali, Istruttori di discipline sportive non agonistiche, Organizzatori di eventi e di strutture sportive, Osservatori sportivi e Allenatori e tecnici sportivi.

Giurisprudenza a numero aperto

La facoltà di Giurisprudenza a numero aperto appartiene alla classe di laurea LMG-01, a ciclo unico e quindi della durata di tre anni. Dobbiamo specificare che Scienze Giuridiche online e Giurisprudenza online sono diversi, infatti il primo è un corso di laurea triennale e solo con il secondo è possibile esercitare la professione di avvocato, magistrato o giudice (insieme a molte altre collaterali).

Questi corsi vogliono formare studenti in grado di avere le capacità necessarie per poter lavorare nell’ambito delle professioni giuridiche tradizionali, come magistrato, avvocato o notaio (previo superamento dei relativi concorsi o esami di abilitazione, come vi spiegheremo più avanti). Ricordiamo che sono otto le facoltà di Giurisprudenza senza test d’ingresso:

Giurisprudenza a Roma a numero aperto ha tutte e ottobre le università presenti, così come Milano, mentre a Napoli ci sono solo sei opzioni disponibili, mentre a Torino solo cinque.

Chi vuole diventare Avvocato deve conseguire una Laurea a ciclo unico in Giurisprudenza o una Laurea in Scienze Giuridiche, inoltre è necessario svolgere un periodo di praticantato in uno o più studi legali per un periodo totale di 18 mesi, oltre a un corso specifico di formazione della durata di 160 ore. Solo in questo modo si potrà sostenere l’esame di abilitazione, costituito da tre prove scritte e una orale.

Per diventare Notaio c’è bisogno di un praticantato presso uno studio notarile e la frequentazione di una scuola di specializzazione per le professioni legali, invece per diventare Magistrato è necessaria la frequentazione della Scuola di Specializzazione per le Professioni legali che permette di accedere al concorso nazionale bandito dal Ministero della Giustizia.

Altre Facoltà a numero aperto disponibili nelle Telematiche

In tutte le università telematiche quindi non c’è test d’ingresso, ma solo una verifica non selettiva che serve solo per capire la preparazione iniziale di ogni singolo studente, in modo da poter predisporre un recupero di eventuali mancanze di base per far sì che la carriera universitaria continui in modo ottimale e con successo. Ma qual è l’elenco delle facoltà a numero aperto online? Ecco l’elenco delle facoltà senza test d’ingresso e disponibili per via telematica:

Senza dimenticare che ci sono anche corsi specifici di Alta Formazione – Area Avanzamento Carriera.

richiedi informazioni

Perché affidarsi a noi?

Ecco cosa dice chi si è iscritto a un corso di laurea online con il nostro supporto:

Richiedi informazioni